Cerca
Close this search box.
carta docente - scuola - estensione ai docenti precari

La Carta Docente:

Il bonus formativo per tutti i docenti, anche precari.

Introduzione

La Carta Docente è un potente strumento di formazione e aggiornamento per i docenti delle scuole statali, introdotto dalla legge n.107/2015. Questa iniziativa offre un bonus annuale di 500 euro, utilizzabile per una vasta gamma di scopi, dall’acquisto di libri e computer all’iscrizione a corsi universitari. Tuttavia, la normativa originaria escludeva i docenti precari, una situazione che è stata recentemente modificata grazie a importanti pronunce giurisprudenziali e interventi legislativi. In questo articolo, esploreremo le ultime novità relative al bonus Carta Docente e come questa agevolazione può essere ottenuta anche dai docenti precari.

Il bonus carta docente: un vantaggio per la formazione dei docenti

La legge n.107/2015 ha introdotto il bonus Carta Docente con l’intento di promuovere la formazione continua dei docenti delle scuole statali. Questo bonus di 500 euro all’anno può essere utilizzato per una varietà di scopi, permettendo ai docenti di arricchire il loro bagaglio culturale e professionale.

Estensione del beneficio ai docenti precari: una decisione cruciale della corte di giustizia europea

Inizialmente, la Carta Docente era riservata solo ai docenti di ruolo, escludendo i precari. Tuttavia, la Corte di Giustizia Europea ha emesso un’Ordinanza il 18 maggio 2022, nella causa C-450/21, dichiarando tale esclusione discriminatoria e contraria al diritto dell’Unione. Questa decisione ha aperto la strada per una modifica legislativa che estendesse il beneficio anche ai docenti precari.

L’intervento del legislatore italiano: il Decreto Salva-Infrazioni n. 69/2023

In risposta alla pronuncia della Corte di Giustizia Europea, il legislatore italiano ha agito prontamente. Con il Decreto Salva-Infrazioni n. 69/2023, successivamente convertito nella legge n. 103/2023, il riconoscimento della Carta Docente è stato esteso ai supplenti al 31 agosto per l’anno 2023.

La sentenza della Corte di Cassazione: un importante precedente giurisprudenziale

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 29961 del 27 ottobre 2023, ha ulteriormente confermato il diritto al bonus anche per i docenti precari con incarico annuale al 31 agosto o al 30 giugno. Tuttavia, la sentenza non si è pronunciata sui supplenti brevi con almeno 180 giorni di servizio. Questo rappresenta un significativo precedente giurisprudenziale che potrebbe favorire le richieste di riconoscimento del bonus da parte di tutti i docenti precari, indipendentemente dalla durata del loro incarico.

Conclusioni: approfitta del bonus carta docente anche se sei un docente precario

In conclusione, la Carta Docente rappresenta un’opportunità significativa per i docenti di arricchire la propria formazione. Con le recenti pronunce giurisprudenziali e interventi legislativi, il bonus è ora accessibile anche ai docenti precari. Se desideri maggiori informazioni su come ottenere il beneficio della Carta Docente, non esitare a contattarci. Siamo qui per guidarti attraverso il processo e assicurarci che tutti i docenti possano godere di questo vantaggio formativo.

corso IA per avvocati

Esplorando il futuro del Diritto: il nuovo corso sull’Intelligenza Artificiale per Avvocati

Esplorando il futuro del Diritto: Il nuovo corso introduttivo sull’Intelligenza Artificiale per Avvocati Nel sempre mutevole panorama giuridico, rimanere competitivi richiede non solo competenza legale, ma anche un’applicazione intelligente delle tecnologie emergenti. È qui che il nostro nuovo corso introduttivo sull’Intelligenza Artificiale nel diritto diventa essenziale. Guidato dall’avvocato Fabio Nobili, questo corso offre un’opportunità di […]

Continua a leggere...
Spina e Nobili Avvocati - buca via Morghen Napoli - Intervista "Le Iene"

Fine dell’incubo a via Morghen: Il successo della mediazione legale raccontato nel servizio televisivo della trasmissione “Le Iene” con l’intervista all’avvocato Francesco Spina

Fine dell’Incubo a Via Morghen: Il successo della mediazione legale raccontato nel servizio televisivo della trasmissione “Le Iene” con l’intervista all’avvocato Francesco Spina Dopo un periodo di preoccupante incertezza, gli abitanti di via Morghen 63 e via Solimena 9 possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. Grazie all’intervento deciso e strategico dello studio legale Spina […]

Continua a leggere...